DRAGHI SAID THAT EXIT FROM THE EURO IS UNINTELLIGENT THING…

Posted on

00000000000000000000000000000000000.88137

“Politicians and bankers see light deep in the tunnel, the citizens  not. Maybe it will be because the first two have no real contact with the harsh reality of everyday. So there are two solutions: either we change the politicians and bankers, or you change the head and eyes to the people”.  citation of Alessandro Sicuro

DRAGHI SAID THAT EXIT FROM THE EURO IS UNINTELLIGENT THING…

DRAGHI SAID THAT EXIT FROM THE EURO   BOTH UNINTELLIGENT THING

What alternatives do we have?

For the uninitiated Italy and its system of credit institutions is held up by LTRO and OMT. What are these? read here, you will do well …

LTRO (Long terming Refinancing Operation) was announced in December 2011, the OMT (Outright Monetary Transaction) in March of the following year

The objective of this mechanism was to provide liquidity to banks in Exchange for securities brought into the ECB considered that in Northern Europe doesn’t  trust too much of our institutions, and was, in the idea of departure, a way to finance the real economy. The ECB lends money in return for guarantees, so that you can pay them in Italy for SMEs and even families. A good idea in concept that has not had the desired results, the real economy saw little or nothing of 250 billion that Italian banks have got from dragons. From good speculators without almost any social utility have invested most in BTP with average return at 4.5% versus a 0.5% interest due to the ECB.   An excellent deal for banks in this beautiful country, but zero results for us and for companies. It is not likely that a fixed system will guarantee10 billion annual profits free in Exchange for allowing the State to sell its debt. It is logical that out more than half of the annual profits of our lenders come from this play:  Soon you pay via commercial banks to the state bank, that not even a shadow of the real economy, speculation is fine. Even so, despite this flood of money in the last two years, the credit to businesses and households fell by 70 billion. While the BTP that banks have in the belly grew to 190 billion euro, reaching a total of 411 that turn represents more than 10% of all assets held in the portfolio by Italian institutions…

We spontaneously wonder why a bank with a large group of well-salaried people, who speculates on each occasion, which tightens the noose on the debtor and who has not the slightest semblance of usefulness through the real economy. Indeed, the brakes, the boycott, and pass the credit to “friends of friends” so often shameless.

On the other hand, the trick has been discovered right away and already the summer of 2012 there was enormous pressure on our BTP: 6794601146_78a1086bd4_bla the Central Bank is the only institution that can guaranty the solvency of the market were you commit to buy debt by printing money. The Statute of the ECB would not allow it, but the Draghi has forced his hand by announcing the OMT program. In Germany of course contrary Draghi announced that the ECB is prepared to buy on the secondary market public debt securities with maturities of up to three years, for countries that should find it difficult to sell their debt. Obviously, the change of hard work by the Troika (IMF, European Commission, ECB), interventions aimed to achieve substantial reform of the system.

Italy had to be precise in order to take the step towards supporting OMT.   We are told that last year the Draghi won ha000_dv1500986 and that for now the market has trusted the ad without going to see its potential bluff since no state has resorted to peripheral OMT program. Oh yes, because of bluff could be the same as the German, the Constitutional Court has not yet ruled on the legality of that program. Two years later we find a banking system that takes liquidity from Draghi (and other banks ) to use it in BTP ( and not in the real economy ), creating a vicious circle in which the weakness of the state has been transferred to the banks and only announcement to WTO has now held the standing situation . If we add € 140 billion of loans and € 80 billion of problem loans (mostly loans) in bank balance sheets that explains why the International Monetary Fund in its recent report on Italy cites the banks as one of the weaknesses of our economy, calling in case of difficulty to appeal to the European Markets (Merkel and others). It’s the same reflection of Wolfgang Munchau in his editorial in the Financial Times that ends with a bitter truth : ” the decision of the Italian policy of do not ask for help to Europe, not to devalue internally and restructure the public debt is not rational for the his people. ” Munchau defends their right to sell. Decide as early as possible in one of three directions is a duty of politics for the good of our children. Traccheggiare and wasting time is the one thing not to do. But to Traccheggiare our policy is always good at wasting time.

We want to remain in the Euro? Let’s talk, as higher and higher they raise the voices of those who are convinced that by leaving the Euro could we gain enough time to reform the country, as Draghi with OMT is a time clock that shall “gong” very soon. But if we want to remain in the Euro we can only do that by reforming from head to toe the country in order to close the competitiveness gap that we (about 20% against Germany) otherwise there will never be any growth in line with our neighbors.

We do not want to restructure your debt? Well then you’d cling to the OMT program that would guarantee us at least the purchase of our debt by the ECB (assuming it can do it given the risk in order to stop the German court) and then we do help to make those reforms that Rome is not in able to do. In short, we make explicit the commissioner who is already in the facts and we recover at least some ‘of the € 50 billion that we put at the service of Europe.

We do not want to restructure the debt, we are too proud to ask for help and we do not have the resources to finance the reforms? Then we have the courage to exceed the deficit by at least 3 points, reaching the 6 % that has already been granted to Spain and France. Those 50 billion euro is put, for example, in the tax wedge. Then let’s see if Italy does not start to grow back to create a competition problem on export to German companies.   If none of the three options above is put on the International parties for the last remnants of a price to choke.   Draghi is the owner of the casino, or perhaps the director, who took time so far in the interests of creditors and the Germans are certainly not the Unknown Italian production. Napolitano is the dealer, who has used the worst this last time depriving citizens of their right to a government of their own choosing.   Mountains and Letta are the two barrels at the table, those who win the counter Euro at the expense of the citizens. But the time that has managed to take Draghi is not infinite:  the “gong ” Merkel Program MTO comes sooner or later and on that day it will be the last round. Italians of that day will be left in their underwear. And maybe not even those.

But Draghi keeps repeating: “exit from euro is populist thesis

The recovery is not galloping in but also improves Italy “…

“The populist argument that consists in thinking that leaving the euro, the national economy would benefit instantly from competitive devaluation as in the old days will not stand” says the governor of the ECB, Mario Draghi, in an interview Le Journal du Dimanche. “We do not replace governments – continued Draghi – if everyone is trying to devalue its currency, it does not benefit anyone. In conclusion, the path to prosperity always passes through the reforms and the quest for productivity and innovation.

Germany is fine, France, Italy and Spain are better, the Netherlands and Greece and Portugal are less under pressure. “”The recovery is there, even if it is not rampant,” added Draghi.  “The growth is coming back – says Draghi – but it is certainly not galloping. And ‘small, fragile and uneven. “For the governor, “unemployment is still too high but it seems to stabilize around an average of 12%. Next year, we expect a growth rate for the euro area of 1.1% and 1, 5% in 2015. “”Exports resume – notes Draghi- and done again, goes back to the consumer.”

If our dear Draghi has the right hat and honor of Merit for his sleight of hand. It would mean a lot.

If the “gong” sound before the end of the race, and with him we have lost a lot and I would say that we will lose everything.

This is reminiscent of the movie, “A Fistful of Dollars” by Sergio Leone, the chime stops sounding when you shoot, and usually remains in good standing. In political and financial life the villain is often standing… Or the more powerful.  And the most powerful are not certain.

Alessandro Sicuro.

 

 

————————————————————————————————————————————————————————————————————-

 

Italian & original version:

00000000000000000000000000000000000.88137

DRAGHI DICHIARA CHE USCIRE DALL’EURO

SIA COSA POCO INTELLIGENTE

 Che alternative abbiamo?

Per chi non lo sapesse l’Italia ed il suo sistema di istituti di credito

è tenuto in piedi da LTRO e OMT. Cosa sono? leggete qui, vi farà bene…

Schermata 2013-12-16 alle 03.16.44LTRO (Long Terming Refinancing Operation) fu annunciato nel Dicembre 2011, lo OMT (Outright Monetary Transaction) nel Marzo dell’anno successivo.

L’obiettivo di questo meccanismo era fornire liquidità alle  nostre banche in cambio di garanzie portate in BCE considerato anche che nel nord Europa non si fidano troppo dei nostri Istituti, ed era, nell’idea di partenza, un modo per finanziare l’economia reale. La BCE presta i soldi in cambio di garanzie, affinché tu Italia li possa prestare alle PMI ed anche alle famiglie. Un’idea ottima in concetto che non ha avuto i risultati sperati, l’economia reale ha visto poco o niente dei 250 miliardi che le banche italiane hanno avuto da Draghi. Da bravi speculatori senza quasi alcuna utilità sociale li hanno investiti per la maggioranza in BTP con rendimento medio al 4.5% contro uno 0.5% di interessi dovuti a BCE. Ottimo affare per le banche furbette del belpaese, risultati nulli per noi e per le aziende. Non è verosimile che in un sistema corretto si garantiscano, a occhio e croce, 10 miliardi di profitti gratis annui in cambio di consentire allo stato di collocare il suo debito. E’ fuori logica che più della metà degli utili annuali dei nostri istituti di credito venga da questo giochino: io BCE presto a te omtbanca commerciale, tu banca presti allo Stato, di economia reale nemmeno l’ombra, speculazione va bene. Anche perché, pur con questo fiume di denaro, negli ultimi due anni il credito a imprese e famiglie è diminuito di 70 miliardi, mentre i BTP che le banche hanno in pancia sono cresciuti di 190 miliardi di euro, raggiungendo il complessivo di 411 che a sua volta rappresenta più del 10% di tutte le attività detenute in portafoglio dagli istituti italiani.

Sorge spontaneo chiedersi a cosa serva una banca, un gruppo vasto di persone ben stipendiate, che specula su ogni occasione, che stringe il cappio sul debitore e che non ha la benchè minima parvenza di utilità per l’economia reale. Anzi la frenano, la boicottano, e passano il credito agli “amici degli amici” in maniera spesso spudorata.

Dall’altra parte il giochino di prestigio si è scoperto subito e già nell’estate 2012 c’era forte pressione sui nostri BTP: è 6794601146_78a1086bd4_bla banca centrale l’unica istituzione che può garantire il mercato sulla solvibilità degli stati lì dove si impegnasse a comprare titoli di debito stampando moneta. Lo statuto BCE non lo permetterebbe, ma Draghi ha forzato la mano annunciando il programma OMT. A Germania ovviamente contraria Draghi annuncia che la BCE è pronta a comprare sul mercato secondario titoli del debito pubblico con scadenza fino a tre anni, per i paesi che si dovessero trovare in difficoltà a collocare il proprio debito. Ovviamente i cambio di rigidi interventi della Troika ( Fondo Monetario, Commissione Europea, BCE ), interventi tesi ad ottenere sostanziali riforme di sistema.

Doveva essere proprio l’Italia a fare il passo verso il sostegno OMT. La storia dell’ultimo anno ci dice che Draghi ha000_dv1500986 vinto e che per ora il mercato si è fidato dell’annuncio senza andare a vedere il suo potenziale bluff dal momento che nessuno Stato periferico ha fatto ricorso al programma OMT. Eh sì, perché di bluff potrebbe trattarsi dal momento che la stessa Corte Costituzionale tedesca non ha ancora deliberato sulla legittimità di tale programma.  Due anni dopo ci ritroviamo un sistema bancario che prende liquidità da Draghi (e non dalle altre banche) per impiegarla in BTP (e non nell’economia reale), creando un circolo perverso in cui la debolezza dello Stato è stata trasferita alle banche e solo l’annuncio OMT ha per ora tenuto la situazione in piedi. Se a questo aggiungiamo 140 miliardi di euro di sofferenze ed 80 miliardi di euro di partite incagliate (quasi sofferenze) nei bilanci delle banche ecco spiegato perché il Fondo Monetario Internazionale nel suo recente rapporto sull’Italia cita le banche come uno dei punti deboli della nostra economia invitando in caso di difficoltà a ricorrere al merkel7sostegno europeo. E’ la stessa riflessione di Wolfgang Munchau nel suo  editoriale sul Financial Times che si conclude con una amara verità: “la decisione della politica italiana di non chiedere aiuto all’Europa, non svalutare internamente e non ristrutturare il debito pubblico non è razionale per il suo popolo“. Munchau ha ragione da vendere. Decidere prima possibile in una delle tre direzioni è un dovere della politica per il bene dei nostri figli. Traccheggiare e perdere tempo è l’unica cosa da non fare. Ma a traccheggiare la nostra politica è sempre abile nel perdere tempo.

Vogliamo rimanere nell’Euro? Parliamone, visto che sempre più alte si alzano le voci di chi è convinto che solo uscendo dall’Euro potremmo guadagnare il tempo necessario a riformare il Paese, visto che quello di Draghi con OMT è un orologio a tempo che farà “gong” molto presto. Ma se invece vogliamo rimanere nell’Euro possiamo farlo solo riformando da testa a piedi il paese per chiudere il gap di competitività che abbiamo (circa 20% contro la Germania) e che altrimenti non ci permetterà mai di crescere in linea con i nostri vicini.

Non vogliamo ristrutturare il debito? Bene allora che ci si aggrappi al programma OMT  che almeno ci garantirebbe l’acquisto del nostro debito dalla BCE (ammesso che lo possa fare visto il rischio di stop della corte tedesca) e ci facciamo poi aiutare a fare quelle riforme che Roma non è in grado di fare. Insomma rendiamo esplicito quel commissariamento che già è nei fatti e almeno ci riprendiamo un po’ dei 50 miliardi di euro che abbiamo messo al servizio dell’Europa.

11045-il-presidente-bce-mario-draghiNon vogliamo ristrutturare il debito, siamo troppo orgogliosi per chiedere aiuto e non abbiamo le risorse per finanziare le riforme? Allora si abbia il coraggio di sforare il deficit di almeno 3 punti, arrivando a quel 6% che è già stato concesso a Spagna e Francia. Quei 50 miliardi di euro si mettano ad esempio nel cuneo fiscale. Poi vediamo se l’Italia non inizia a crescere tornando a creare un problema di concorrenza sull’export alle aziende tedesche.
   Se nessuna delle tre opzioni qui sopra viene messa sul tavolo vuol dire che l’Europa ha già deciso di far tirare a campare il moribondo “paziente Italia” per spolparne gli ultimi resti, a prezzi da strozzo. Draghi è il proprietario del casinò, o forse il direttore,  colui che ha preso tempo fino ad ora nell’interesse dei creditori tedeschi e non certo dei Unknownproduttori italiani. Napolitano è il croupier, colui che ha usato al peggio questo tempo privando i cittadini dell’ultimo loro diritto, quello di un governo scelto da loro. Monti e Letta sono i due bari al tavolo, coloro che fanno vincere il banco dell’Euro a spese dei cittadini. Ma il tempo che è riuscito a prendere Draghi non è infinito: il “gong” della Merkel sul programma OMT arriverà prima o poi e quel giorno ci sarà l’ultimo giro. Gli italiani quel giorno vedranno di essere rimasti in mutande. E forse neanche quelle.

draghi-ap

Ma Draghi continua a ripetere:  “uscire da euro è tesi populista

La ripresa non galoppa ma c’e’, anche Italia migliora”…

“La tesi populista che consiste nel pensare che uscendo dall’euro, un’economia nazionale beneficerebbe all’istante di una svalutazione competitiva come ai vecchi tempi non sta in piedi”: lo dice il governatore della Bce, Mario Draghi, in un’intervista a Le Journal du Dimanche. “Noi non ci sostituiremo ai governi – continua Draghi – se tutti cercano di svalutare la propria moneta, non se ne avvantaggia nessuno. In conclusione, la strada verso la prosperità passa sempre attraverso le riforme e la ricerca della produttività e dell’innovazione”.

“La Germania va bene, la Francia, l’Italia e la Spagna vanno meglio, l’Olanda meno e Grecia e Portogallo restano sotto pressione”. “La ripresa c’è anche se non è galoppante”, ha aggiunto Draghi. “La crescita sta tornando – spiega Draghi – ma non è certo galoppante. E’ modesta, fragile e diseguale”. Per il governatore, “la disoccupazione è sempre troppo alta ma sembra stabilizzarsi attorno a una media del 12%. L’anno prossimo, prevediamo un ritmo di crescita per la zona euro di 1,1% e dell’1,5% nel 2015”. “Le esportazioni riprendono – osserva Draghi – e, fatto nuovo, risalgono i consumi”.

Se il nostro caro Draghi ha ragione tanto di cappello ed onore al merito per il suo gioco di prestigio. Vorrebbe dire molto.

Se il “gong” suonerà prima della fine della corsa avrà perso e con lui noi che perderemo molto e direi proprio tutto.

Ricorda “Per un pugno di dollari” di Sergio Leone, quando il carillon smette di suonare si spara, e di solito il buono resta in piedi. Nella vita politica e finanziaria, spesso resta in piedi il cattivo. O il più potente. Ed il più potente non siamo certo noi.

Alessandro Sicuro

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s